Il campione di Street Fighter V: Arcade Edition Masato Takashi è conosciuto con molti nomi. I fan lo chiamano "Bonchan", altri "The Last Nash", altri ancora "The King" perché utilizza spesso Sagat, ex re di Shadaloo nonché indiscusso re del Muay Thai. Che lo si chiami in un modo o nell'altro, è innegabile che al Capcom Pro Tour 2019 Bonchan abbia raccolto risultati straordinari, culminati all'Evolution Championship Series di quest'anno con una vittoria che ha fatto esplodere l'intera arena di Mandalay Bay in un applauso assordante.

Il primo evento Super Premier di Las Vegas

L'Evolution Championship Series (noto comunemente come EVO) è il maggior torneo di picchiaduro al mondo. Con una partecipazione da record e un pubblico composto da appassionati del genere, l'EVO rappresenta una sorta di pellegrinaggio annuale per l'intera community, che si ritrova per confrontarsi lealmente e competere per l'ambito titolo di campione mondiale EVO. Un titolo che vale un posto di riguardo negli annali della FGC.

Nonostante l'EVO sia da sempre un torneo di spicco tra le competizioni stagionali, il Capcom Pro Tour di quest'anno ha reso l'evento competitivo più famoso di Las Vegas ancora più rilevante. Se i Tour precedenti includevano sia eventi Classifica che Premier, nel 2019 la posta è aumentata con l'introduzione di una nuova categoria: un evento Super Premier che vale 300 punti in più di un normale Premier. Un'occasione ghiotta per scalare le classifiche del CPT.

La caduta dei giganti

L'EVO di quest'anno rappresentava un'occasione importante per tutti i guerrieri del mondo, e la competizione non ha deluso le aspettative. L'edizione 2019 è stata segnata dalle imprese memorabili di più di un giocatore di Street Fighter, sia in diretta che no. E i gironi hanno riservato diverse sorprese.

Dal Texas, ma originario della Louisiana, Toi Bridges è noto per la prestazione tenuta alla Street Fighter League Pro US 2019. Il suo avversario era il campione EVO 2017, nonché finalista all'edizione 2018, Hajime "Tokido" Taniguchi, un volto che in molti si aspettavano di vedere tra i primi 8 del 2019. Così non è stato, invece. In un sorprendente susseguirsi di eventi, Toi ha spedito Tokido nel gruppo dei perdenti durante le Finali dei vincitori del loro girone.

In seguito, Tokido è stato battuto da Jonny "Humanbomb" Cheng, ma non si è trattato dell'unico campione di SFV a venire eliminato prima di entrare nella Top 8. Victor "Punk" Woodley, il numero uno del CPT, ha dovuto cedere il passo al vincitore dell'EVO 2018, Benjamin "Problem X" Simon, nella Top 24. Di lì a poco, lo stesso Problem è stato sconfitto da Arman "Phenom" Hanjani.

Un'ondata di guerrieri del mondo

Con alcuni dei favoriti dell'EVO fuori dai giochi, la competizione si è fatta spietata, con una Top 8 composta da guerrieri provenienti da ogni parte del mondo. Questa varietà si è rispecchiata anche nella scelta dei personaggi. Con partecipanti provenienti da Cina, Emirati Arabi Uniti, America e Regno Unito, la Top 8 di domenica rifletteva in pieno lo spirito tradizionale di Street Fighter. Lo stesso può dirsi delle scelte dei giocatori, con lottatori quali Zeku, Sagat e persino la leggenda russa del wrestling Zangief ad affrontarsi nell'arena.

In effetti, l'unico personaggio ripetuto nella Top 8 è stato Zeku. Sorprendente, perché si tratta di un lottatore molto complesso, con uno stile di gioco difficile da padroneggiare. Il campione cinese Yangmian Huang e il rappresentante del Regno Unito DC "Infexious" Coleman hanno entrambi scelto Zeku, esibendosi in una serie di prestazioni mozzafiato con l'incrollabile ninja. Un personaggio a cui Bonchan ha opposto un beniamino dei fan.

Apriamo le danze! Cerca di stare al passo.

Invece di usare Karin, Bonchan ha fatto scendere in campo Sagat per affrontare Zeku di Infexious nella Finale dei vincitori. Una decisione dettata, a sua detta, dal loro precedente incontro al VSFighting di Birmingham lo scorso luglio.

"Al VSFighting," ha spiegato, "ho combattuto contro Infexious e il suo Zeku nella Top 8. Basandomi su quella sfida, ho sentito di poter vincere con Sagat se ci fossimo incontrati di nuovo."

Bonchan ha dato il massimo con Sagat, battendo Zeku, ma Infexious non è stato l'unico avversario contro cui ha schierato il re del Muay Thai. Anche la stella del NLBC Derek "iDom" Ruffin ha dovuto vedersela con il Sagat di Bonchan, dopo essere entrato nella Top 8 del gruppo dei vincitori, aprendo le sfide di domenica con l'incontro più atteso della serata.

"Ho scelto Sagat perché contro Laura non mi sentivo sicuro," ha commentato Bonchan. "Ho pensato che, nel caso di Karin, iDom conoscesse tutte le sue mosse, per cui sarebbe stato favorito. Ma se avessi scelto Sagat, con cui non ha molta familiarità, allora sarebbe stato un matchup sconosciuto per entrambi, e questo avrebbe giocato a mio favore."

Ricordalo bene!

Con due vittorie clamorose, Bonchan ha battuto sia iDom che Infexious, assicurandosi un posto in Gran finale, dove si sarebbe confrontato con Adel "Big Bird" Anouche, dagli Emirati Arabi Uniti. Con il suo Rashid, Big Bird aveva conquistato il pubblico con giocate stellari e reazioni impeccabili nel corso della Top 8, superando senza fatica ogni ostacolo. Nonostante la prestazione fenomenale, nel corso della Semifinale dei perdenti aveva faticato non poco contro il temibile Ibuki di Fujimura Atsushi, dando vita a uno degli incontri di SFV più avvincenti di sempre.

Due dei lottatori più impeccabili dell'intera stagione hanno dato vita a un testa a testa adrenalinico, che si è risolto all'ultimo round dell'ultimo incontro. Mentre il pubblico teneva il fiato sospeso, Big Bird ottimizzava il controllo dello spazio e sugellava la vittoria con un Eagle Spike dal tempismo perfetto, liberandosi con un 3-2 di misura di uno degli avversari più formidabili della Top 8.

Bonchan contro Big Bird

La serie di vittorie di Big Bird non si è interrotta e battendo 3-0 Infexious, il favorito del Regno Unito, ha ottenuto l'accesso alla Gran finale, dove l'avrebbe atteso Bonchan. Per chi avrebbe tifato il pubblico? Nonostante le buone prestazioni al CPT 2019, nessuno dei due contendenti era mai entrato nella Top 8 dell'EVO per Street Fighter V. Per entrambi si trattava quindi di un momento storico. Una sfida tra due "cenerentole", con la prestazione dirompente di Big Bird in difesa dei colori degli Emirati Arabi Uniti e la stagione fenomenale di Bonchan ad arroventare l'atmosfera nell'arena.

Nonostante Bonchan fosse rimasto sempre nel gruppo dei vincitori, Big Bird sembrava prevedere le sue mosse, aggiudicandosi meritatamente le prime due partite e facendo presagire un imminente reset del gruppo.

"Nei precedenti eventi del CPT," ha commentato Bonchan, "ho affrontato diversi Rashid e ho sempre vinto. Ma non me l'ero ancora vista con Big Bird. All'inizio ero sicuro di poter vincere, ma quando è iniziato l'incontro ho capito quanto fosse forte e ho perso due partite di fila. Anche in quel frangente, però, pensavo di potercela fare. Avevo fiducia nel matchup Karin/Rashid."

Ti mostrerò la differenza tra le nostre classi sociali!

La sicurezza di Bonchan si è dimostrata giustificata nella terza partita, con Big Bird a un passo dal reset del gruppo. Determinato a completare il suo percorso nel gruppo dei vincitori, Bonchan ha vinto in scioltezza le due partite successive. L'ultima partita della serata sarebbe stata quella decisiva.

Proprio come nello scontro con Fujimura, la padronanza di gioco di Big Bird si è dovuta scontrare con il coraggio e la sicurezza di Bonchan e ancora una volta la vittoria si è decisa all'ultimo round. Stando al commentatore James Chen, nessuno dei due contendenti voleva cedere, e alla fine Bonchan è emerso vincitore grazie a una fenomenale rimonta, dopo aver subito molti danni nel corso del round.

Cosa ha in serbo il futuro per il campione dell'EVO?

Con questa vittoria clamorosa, Bonchan detiene il titolo di campione del primo evento Super Premier del CPT 2019, dopo aver già trionfato al CEO e all'evento Premier del VSFighting. Non sembra intenzionato a sedersi sugli allori, però, pur avendo messo in cassaforte un posto nella Capcom Cup di quest'anno.

evo 2019 bonchan

"Questo risultato mi riempie di fiducia. E di gioia, ovviamente," ha dichiarato Bonchan. "Ma non ho intenzione di cambiare i miei programmi futuri. Continuerò a partecipare al Capcom Pro Tour, anche se non devo più preoccuparmi di raccogliere abbastanza punti per accedere alla Capcom Cup."

Voltata pagina sull'EVO, nuovi eventi attendono fan e giocatori nella stagione 2019 con l'avvicinarsi dell'autunno. L'Esport Festival Hong Kong segna il prossimo evento Premier del calendario di agosto, ma non dimentichiamoci del Fight Club NRW di Colonia e del Celtic Throwdown in Irlanda. Con la stagione al giro di boa la competizione si fa sempre più accesa, ora che mancano solo cinque mesi all'apertura della Capcom Cup al Novo Theater di Los Angeles. Nemmeno Menat può prevedere chi sarà il vincitore.